news

VIDEO IN PRIMO PIANO -IL SINDACO DI SULMONA CASINI RITIRA LE DIMISSIONI

venerdì 12 gennaio 2018

CONSIGLIO NO SNAM, ARRIVA IL DECIMO NO. COMITATI ALLONTANATI DALL'AULA. SOLO LA MAGGIORANZA CHIEDE AL SINDACO IL RITIRO DELLE DIMISSIONI

SULMONA – Il Consiglio Comunale di Sulmona approva all’unanimità la decima delibera contro la realizzazione della centrale di compressione e metanodotto Snam con la sola maggioranza che chiede al sindaco di ritirare le dimissioni, mentre i comitati cittadini per l’ambiente protestano per la mancata audizione e vengono allontanati dall'aula consiliare Nella delibera il Consiglio, dopo una sospensione di oltre un’ora, dá mandato al sindaco di costituire un gruppo multidisciplinare di tecnici per funzioni di consulenza e supporto all’amministrazione comunale nell’iter procedurale.
Un accenno è stato fatto anche al deprezzamento di tutte le attività immobiliari. “Non è un fatto formale ma sostanziale. Ai piani alti deve arrivare un ulteriore segnale di diniego”- è intervenuto il capogruppo Pd Antonio Di Rienzo. “Il nostro contributo è uno stimolo alla giunta per costituire un pool scientifico per sanare tutto quello che non è stato fatto”- puntualizza Elisabetta Bianchi di Forza Italia.



Il consigliere Mauro Tirabassi ha rimarcato che “oggi più che mai non è possibile lasciare le redini di questa istituzione in mano a un Commissario” e invita il sindaco Annamaria Casini a rivedere la sua decisione. La delibera viene votata all’unanimità non senza polemiche da parte dei comitati cittadini per l’ambiente che sono usciti infuriati dall’aula. Volevano essere auditi e ne hanno fatto richiesta tramite la consigliera Bianchi ma la Presidente del Consiglio Comunale, applicando il regolamento, ha proceduto con le dichiarazioni di voto.




La partecipazione dei comitati doveva e poteva essere concordata prima della convocazione del Consiglio, senza incorrere a una scena desolante. Un finale quindi al cardiopalma. Subito dopo è stata discussa una domanda di attualità sui rifiuti e infine un ordine del giorno presentato dal consigliere Angelo Amori dove il Consiglio ha chiesto al sindaco di ritirare le dimissioni alla luce della delibera adottata poco prima. Ma a minoranza abbandona l’aula e quindi che il sindaco resti in sella interessa solo alla sua maggioranza. L’unico voto contrario è quello di Fabio Ranalli che è rimasto in aula per guidare la seduta consiliare nelle vesti di Vice Presidente.


VIDEO IN PRIMO PIANO :