ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte 'Governo del cambiamento, l'Italia resterà sempre in Ue'- Conte al Colle per l'incarico, nodo ministero Economia- Di Battista: 'Colle non tema cambiamento', è polemica- Mattarella convoca Conte 17,30. Di Maio: parte terza Repubblica- Moscovici, rispettare i tempi della democrazia in Italia- UE: Ok conti, niente procedure.

news

News - Primo Piano

LACRIME, MUSICA E PALLONCINI PER L’ULTIMO SALUTO A PINO

VIDEO IN PRIMO PIANO - BAGNATURO, FIACCOLATA CELESTINO V

sabato 31 dicembre 2016

AUTOSTRADA DEI PARCHI. ANNO NUOVO E NUOVI RINCARI

LE ASSOCIAZIONI SUL PIEDE DI GUERRA
SULMONA – Da mezzanotte +1,62% per i pedaggi autostradali di Strada dei Parchi S.P.A. A livello nazionale, il rincaro medio sull’intera rete è dello 0,77%. Tanto è bastato per mandare su tutte le furie Confartigianato Abruzzo che ritiene “inaccettabile l’aumento dei pedaggi”. Già lo scorso anno c’erano stati aumenti del 3,45%. Non è possibile che ogni volta, alla fine dell’anno, torna la questione dell’aumento dei pedaggi.
Tariffe spropositate, soprattutto se si considera che si tratta di autostrade vecchie e insicure. La cosa ancora più assurda è che tutto ciò accade nel silenzio assordante della Giunta regionale e del presidente Luciano D’Alfonso”- rilevano da Confartigianato. Dichiara guerra al Ministero il deputato abruzzese di Sel Gianni Melilla. “E’ ora che le istituzioni abruzzesi facciano sentire la loro voce, a fianco dei cittadini, lavoratori pendolari e autotrasportatori e chiedano conto al governo di un comportamento inqualificabile e vergognoso che si trascina da anni”- incalza Melilla. In una nota è il Ministero dei Trasporti a spiegare che “l’aggiornamento annuale delle tariffe deriva dall’applicazione di quanto contrattualmente previsto dalle Convenzioni Uniche stipulate dal 2007 in attuazione della legge di riforma del settore n. 296/2006 unitamente alle Delibere Cipe del 2007 e del 2013 che hanno stabilito le formule tariffarie e criteri di calcolo”. Il Mit fa notare “che la successione delle norme ha dato luogo a sei differenti regimi tariffari oltre specifiche fattispecie che tengono conto, pur con diverse modalità, “dei parametri legati all’inflazione (programmata o reale), alla qualità, al recupero della produttività nonché agli investimenti in beni devolvibili effettuati”.

VIDEO IN PRIMO PIANO :