news

VIDEO IN PRIMO PIANO - FESTA DELLA LIBERAZIONE CERIMONIA IN PIAZZA CARLO TRESCA

martedì 10 gennaio 2017

"FERROVIA OPPORTUNITA' PER LE EMERGENZE E PER L'ECONOMIA"

SULMONA - "A seguito dell' emergenza neve che a colpito la nostra Regione diversi sono stati i disagi soprattutto per i territori del Centro Abruzzo e in particolare per l'Alto Sangro. I trasporti sono andati in tilt: la strada statale 17 dell'Appennino abruzzese chiusa per diversi giorni, centinaia di turisti bloccati negli alberghi di Roccaraso, Castel di Sangro e Campo di Giove senza poter ripartire o altrettanti in arrivo nelle località di villeggiatura impossibilitati nel giungerle. A questo va menzionato un trasporto d'urgenza all'ospedale di Sulmona per un parto e i problemi all' Ospedale di Castel di Sangro rimasto a secco dei viveri bloccati a Sulmona.
Un bus della linea Napoli-Pescara è rimasto fermo a Castel di Sangro con utenti parcheggiati in hotel e nella locale caserma dei Carabinieri.nsomma tanti i problemi non solo nel trasporto ma anche nell'economia: queste zone vivono di reddito generato da flussi turistici stagionali e con trasporti a singhiozzo, gli introiti inevitabilmente diminuiscono proporzionalmente.Registriamo oltre alla cronaca delle vicende, anche diversi richiami e interrogazioni delle autorità politiche del "giorno dopo" ,volte alla ricerca di un colpevole di tali disservizi da incriminare per togliersi di dosso la responsabilità, che pro quota ha ognuno di loro, nella cattiva programmazione del trasporto pubblico e infrastrutturale.
Da tutti viene dimenticata un'infrastruttura ancora attiva e non utilizzata, che dal 1892 collega tutti i paesi toccati dall' attuale emergenza neve: la FERROVIA SULMONA-ISERNIA-NAPOLI. Conosciuta come Transiberiana d'Italia,fino al 2011 ha garantito collegamenti ininterrotti tra Pescara e Napoli,  (toccando Campo di Giove, Palena, Roccaraso e Castel di Sangro) anche e soprattuto in tempo di neve e di bufere,dando ai territori attraversati dai suoi 129 km di binari un collegamento di Protezione Civile e una fonte di economia per i turisti che la sceglievano per raggiungere le loro seconde case o gli alberghi dell'Alto Sangro, oltre a un collegamento sicuro per i pendolari dell'Alto Sangro, costretti a raggiungere Isernia, Sulmona, L'Aquila e Pescara per motivi studio o lavoro.Occorre, per non incorrere a nuove emergenze del genere, aprire un tavolo con la Regione Abruzzo e i sindaci dei comuni attraversati da tale infrastruttura per riprogrammare un' offerta di servizi di trasporto ordinari e rilanciare un turismo e un trasporto, che solo insieme possano contribuire all'aumento del PIL del Centro Abruzzo e al combattere l'evasione giovanile da questi territori interni e montani".

IL COMITATO SULMONA,STAZIONE DI SULMONA

Centroabruzzonews - Web Tv - VIDEO