news

VIDEO IN PRIMO PIANO - TALE E QUALE...A OVIDIO - SPETTACOLO DI GABRIELE CIRILLI

lunedì 19 ottobre 2015

"TEMPI SUPPLEMENTARI"

SULMONA - La domenica del primato. Nel giorno in cui si ricordava Pino Di Benedetto, storico dirigente biancorosso, il Sulmona batte il Delfino Flacco Porto Pescara in un clima di polemiche roventi tutte da parte pescarese  e balza sola in testa alla classifica, approfittando del mezzo passo falso del Casalbordino.  A segno  i due centrali difensivi, ispirati neanche a dirlo da due calci piazzati di Bovino.
La Flacco rientra in partita con Maraschio, ma poi ci pensa ancora Bovino con una prodezza delle sue a ristabilire le distanze. Il Sulmona si gode il primo posto, conquistato con merito, frutto di un cammino regolare. Cammino identico nell’altro girone per i Nerostellati. Ancora un successo in pieno recupero, ancora a segno Max Palombizio. Il fattore recupero sembra l’arma in più per il Pratola, ingabbiato dal Poggio Barisciano che addirittura nella prima frazione ha messo a dura prova Meo, decisivo in un paio di circostanze. Sulmona e Pratola in testa nei rispettivi gironi, un primato da consolidare e da mantenere perché sognare le due squadre in eccellenza è possibile. Se c’è un Pratola che si gode il primato in promozione, in prima categoria la Virtus continua ad arrancare. Il Real Ofena passa all’Ezio Ricci per 4 a 2 e fa sprofondare i ragazzi di Di Corcia al penultimo posto in classifica. All’orizzonte, il derby sul campo del Raiano che ieri è passato di misura in trasferta contro il Castrum, a segno il bomber Saponaro.Continua il momento magico del Bugnara che batte in casa l’Atletico Civitella Roveto  e balza al secondo posto dietro alla capolista Pescina.



IL PAGELLONE DELLA SETTIMANA

ALFREDO MEO (Nerostellati).  Un portiere della sua esperienza non può che portare punti pesanti alla propria squadra. Due parate decisive hanno tenuto a galla il Pratola a Barisciano prima delle zampata da tre punti di Palombizio  Ancora decisivo. VOTO 8


DELFINO FLACCO PORTO
PE (Promozione girone B). In un calcio sempre più esasperato, in cui si fatica ad accettare le decisioni arbitrali, certi comportamenti al di sopra delle righe non sembrano giustificati. Le proteste dei giocatori rispetto alla decisioni di Varanese di Chieti, protratte anche sotto gli spogliatoi, fondate o meno, sono state decisamente eccessive, specie quando il bersaglio sono anche i giornalisti. Censurabile. VOTO S.V.




VIDEO IN PRIMO PIANO :